T.E.CA.R.

Principali Campi d'impiego:
ORTOPEDIA E TRAUMATOLOGIA
MEDICINA SPORTIVA
REUMATOLOGIA
NEUROLOGIA
CHIRURGIA VASCOLARE
DERMATOLOGIA
OFTALMOLOGIA
trattamento fisioterapico del corpo, in maniera distrettuale e segmentale, attraverso l'erogazione di flussi energetici (radiofrequenza) che sviluppano calore endogeno (diatermia) e consentono di effettuare mirate e diversificate terapie riabilitative. La sua efficacia è data dalla combinazione delle energie proposte e che, sapientemente associate, integrano ed armonizzano il trattamento, garantendone una sicura efficacia terapeutica, attraverso una metodica non invasiva capace di risultati:
Evidenti
Rapidi
Duraturi nel tempo
Una forma innovativa ed attuale di terapia fisica particolarmente efficace nelle patologie dolorose osteo-articolari e muscolari, in grado di attivare i meccanismi auto-riparatori dell’organismo, senza applicazioni dirette di corrente elettriche sui tessuti biologici e solo con l’attivazione e stimolazione delle cariche ioniche proprie di ogni tessuto. Le cariche elettriche libere presenti nei tessuti biologici vengono attratte e respinte dal flusso elettromagnetico fino a 1 milione di volte al secondo (correnti di eccitazione), generando da queste oscillazioni calore endogeno (principio del condensatore) a diverse profondità nei tessuti, a secondo del tipo di attuatore utilizzato, del tempo di applicazione e della quantità di energia erogata.
AZIONI/EFFETTI DELLA DIATERMIA
Azione Neuro - Vascolare: Effetto iperemizzante (incremento del flusso sanguigno distrettuale, drenaggio linfatico, aumento dell'ossigenazione e del nutrimento dei tessuti trattati).
Azione Neuro-Muscolare: Effetto miorilassante (muscolo-trofica, decontratturante e di rilassamento sulla muscolatura superficiale e profonda, striata e liscia).
Azione Neurotrofica: Effetto rigenerante e riparativo (su tutti i tessuti, con aumento della permeabilità cellulare, rimozione di cataboliti e riduzione dell'infiammazione, risposta antiedema).
Azione Antidolorifica: Effetto desensibilizzante e sul dolore. Riduzione della sensibilità dei trigger points, rilascio di endorfine ed innalzamento della soglia del dolore, disattivazione dei nocicettori.